Viaggi

Percorsi del Gusto: tour nel Bitonto

di Laura Elici 

Un viaggio è un percorso che si snoda tra realtà nuove, siano esse luoghi, persone, culture, sapori e profumi.

Il Bitonto promotional tour, patrocinato dalla Regione Puglia, ha offerto l’opportunità di vivere un’esperienza di viaggio intesa come “percorso del gusto”. Questa opportunità concretizza, in maniera impareggiabile, il tentativo di restituire all’individuo il diritto ad assaporare la vita in ogni possibile aspetto e a riscoprire il piacere nella sua forma genuina.

Il tour propone vari itinerari dal naturalistico, all’artistico-culturale, all’enogastronomico, che il visitatore combina tra loro secondo la propria preferenza, così da potere accordare il ricordo visivo di un monumento con quello olfattivo di fragranze antiche, con quello uditivo di un’esibizione teatrale di una compagnia locale, o con quello gustativo.

Ecco che le escursioni mattutine, possono essere precedute da una prima colazione resa speciale dai bocconotti appena sfornati. Un pittoresco laboratorio dolciario, Boccabò, pregno di amore per la tradizone e dedizione al lavoro, custodisce la ricetta di questi dolci fragranti, insieme a quella di altre creazioni pasticciere, come i sospiri, la cui consistenza,  secondo maliziosa voce popolare, richiama quella dei seni virginali di una monaca.

A seguire, la scelta è green con suggestivi percorsi consigliati di cicloturismo. I partecipanti al tour raggiungono Giovinazzo, località di mare vicina a Bitonto, attraversando la campagna pugliese nella sua forma più autentica. Non mancano, lungo il percorso, degustazioni di fichi, gelsi e mandorle, prima di arrivare sul lungo mare di questo incantevole paese ove la cooperativa Ulixes organizza un ottimo pranzo a base di frittura di pesce, birra Peroni e riso, patate e cozze, tutto cucinato da Gregorio, proprietario della pescheria “Punto mare” in centro.

Tappa obbligatoria di questo tour il Forno Antico in piazza Minerva a Bitonto ,fondato nel 1200 , ove è possibile degustare le tipiche  focacce con pomodori e  olive o taralli e picciuatelli, appena sfornati. Questo forno è anche il punto di ritrovo della domenica mattina delle famiglie bitontine che, con focacce grondanti d’olio, celebrano la tavola domenicale.

La Puglia è famosa nel mondo per i suoi oliveti e il suo olio e tra le aziende visitate,  merita menzione la ditta Cuonzo, rappresentata da Letizia Cuonzo Leonardelli, proprietaria dell’azienda, artista e cultrice del bello – non la si può diversamente descrivere – che ha creato una realtà  bio che vanta tra i suoi olii un presidio Slow Food.

Secondo Letizia Cuonzo l’obiettivo principale deve essere il rinnovo della propria azienda di famiglia senza tradirne la natura, attraverso lo sviluppo del turismo” emozionale”, in cui l’olio prodotto diventa il TUO olio, aprendo così nuove frontiere di mercato internazionale e portando l’olio italiano nel mondo. La qualità del lavoro svolto dall’azienda Cuonzo, una delle aziende selezionate per la campagna olearia 2016-17 di Slow Food per il progetto Olio, si è concretizzata nella conversione di 30 ettari di terreno in produzione bio, realizzando un progetto di educazione al gusto, aperto al consumo consapevole.

Anche le passeggiate nel tour sono programmate affinchè diventino esperienza multisensoriale; sono infatti gli stessi protagonisti della storia bitontina impersonati dalla compagnia teatrale “Fatti d’Arte”, a descrivere quelle che furono le loro case, le loro opere e le loro chiese, oggi per la maggior parte aperte al pubblico. All’interno del tour vi sono varie opzioni per il pranzo. Una di queste è offerta da La Baguette,  che usa ingredienti del luogo , come la bombetta di capocollo di Martina Franca (consigliatissima)e la Puccia leccese.

Per ciò  che concerne Bitonto come centro, la città si rivela molto attiva, sensibile alle scelte ambientali, con una raccolta differenziata  rispettata soprattutto dai più giovani, gremita di ristoranti che sono molto attenti a valorizzare i prodotti locali a km 0, e sono conoscitori dell’idea del buono, pulito e giusto; uno su tutti  il Plancheto, locale alle spalle del Duomo e vicinissimo al Sylos Sersale suite ove è possibile alloggiare all’interno di uno dei  palazzo storici tra i più antichi della città.

Per chi preferisse allontanarsi dal centro abitato è possibile  fermarsi all’agriturismo la Ferrata, che racconta un pezzo di storia del Parco nazionale dell’Alta Murgia e la scelta dei proprietari di vivere secondo ritmi naturali in 50 ettari di produzione agricola, di cui la maggior parte dedicata alla coltivazione del grano senatore Cappelli.

Dal punto di vista artistico Bitonto offre davvero molto, dal museo diocesano, al teatro Tommaso Traetta, dai giardini della chiesa di San Francesco della Scarpa, a palazzo Sylos-Vulpano, dalla chiesa di San Leucio alla Cattedrale, esempio di romanico pugliese. Questa nasconde al suo interno una basilica paleocristiana ove è possibile ammirare pavimenti in mosaico paragonabili alla Villa del Casale di piazza Armerina(En), descritti magistralmente dalle guide della Cooperativa Ulixes.

Ps: Consigliatissimo il caffè al ghiaccio, da non confondere col caffè freddo o , in alternativa, il leccese con latte di mandorla. A Bitonto anche il caffè ha i suoi riti, i suoi misteri e, soprattutto, il suo tempo.

Si ringrazia la Lauretana viaggi per aver curato la logistica del tour.

Info
Cooperativa Ulixes, largo Gramsci 7, 70032 Bitonto
Fatti d’arte, via Spagna già Dei Carradori, nc, 70032 Bitonto
Lauretana viaggi, Via Giorgio La Pira, 51, 70032 Bitonto

di Laura Elici

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...