Nuovo accordo: I Presìdi siciliani al Centro Olimpo di Mondello. Inizia l’Albicocca di Scillato

Logo Centro Olimpo

Comunicato Stampa

La Condotta Slow Food di Palermo, in seno al progetto “la Centralità del Cibo“, ha il piacere di comunicare ai propri soci e amici una nuova iniziativa nel sostegno del Buono, Pulito e Giusto.

Da Sabato 13 Giugno, la Cooperativa Centro Olimpo di Mondello (PA) inserirà nella propria offerta alcuni Presidi Slow Food siciliani e prodotti stagionali “di prossimità” predisponendo aree dedicate per renderli meglio riconoscibili. A tale scopo è stata studiata una nuova modalità di esposizione, maggiormente per i prodotti freschi quali frutta e verdura: dette aree saranno separate dai prodotti di altra provenienza. Inoltre, il Centro Olimpo, grazie alla nuova partnership, metterà a disposizione spazi a scopo didattico ed in particolare per le scolaresche delle classi elementari.

Tra i Presìdi al banco salumeria, il Suino Nero dei Nebrodi, la Vastedda del Belice, la Provola delle Madonie, il Caciocavallo di razza bovina Cinisara. Nel reparto ortofrutta, la Lenticchia di Villalba, il Cappero di Salina, il pomodoro Siccagno, il Mandarino tardivo di Ciaculli, la fragolina di Sciacca e Ribera, il Miele di Ape Nera Sicula, l’Albicocca di Scillato.albicocca

Proprio l’Albicocca di Scillato sarà rappresentata durate la giornata di sabato 13 dagli stessi produttori che racconteranno le caratteristiche e le origini, nonché sul recupero attraverso il progetto dei Presìdi di Slow Food.

La Condotta Slow Food di Palermo è certa che questa iniziativa sarà un arricchimento per la collettività e invita la Grande Distribuzione e le Autorità Locali a dare maggiore visibilità alla qualità e ai piccoli produttori di prossimità.

Palermo, Sabato 13 giugno 2015

Il fiduciario, Mario Indovina
Condotta Slow Food di Palermo
mail: fiduciario@slowfoodpalermo.com
Mobile : +39 3487274350

Comunicazione e Ufficio Stampa: F.sco Pensovecchio
info@slowfoodpalermo.com
http://slowfoodpalermo.com

L’Albicocca di Scillato

Il paese di Scillato si adagia nella valle del fiume Imera, ai piedi del Parco delle Madonie, in provincia di Palermo. Antiche acque sorgive rendono fertili i suoi terreni, che ospitano giardini, uliveti e frutteti. Floridi agrumeti caratterizzano da sempre le sue campagne, con varietà molto particolari: tardive e molto succose. Ma questo territorio è, prima di tutto, la zona di produzione di una particolare albicocca: i contadini della zona sanno che, da sempre, questa varietà è considerato un frutto prezioso; un tempo c’era chi arrivava da lontano, seguendo la fama del suo profumo e del suo sapore.
E’ una varietà di albicocca precoce, dal frutto piccolo, spesso sfaccettato di rosso, molto profumato e dal sapore intenso. La raccolta inizia alla fine di maggio e dura solitamente due o tre settimane. La coltivazione è tradizionale: ogni anno si potano gli alberi, non si fanno trattamenti chimici – né per il terreno né per i frutti – e si raccoglie a mano, in modo scalare. Gli alberi sono grandi e hanno più di 30, 40 anni. I frutti sono sensibili alle manipolazioni e ai trasporti e, per questa ragione, la loro commercializzazione è limitata ai mercati vicini. A Scillato tutte le famiglie contadine preparano ogni anno un’ottima confettura di albicocche. Ma la pressione di prodotti più redditizi e di mercati più dinamici ha reso questa varietà a rischio di scomparsa.

Periodo di maturazione:
La maturazione inizia alla fine di maggio e dura solitamente due o tre settimane.

Il Presìdio

Da circa un anno, cinque ragazzi hanno deciso di impegnarsi per valorizzare i prodotti del proprio territorio trasformando questa passione in una ragione per non abbandonare Scillato. Hanno creato un’associazione (denominata “I Carusi”, che in siciliano significa ‘i ragazzi’) e avviato un percorso di recupero di vecchi impianti di albicocco abbandonati. Ora stanno lavorando per realizzare nuovi impianti, aumentando così la superficie e la produzione di albicocche di Scillato.
Hanno inoltre recuperato l’antica ricetta della confettura del paese, coinvolgendo le donne, le mamme, le nonne, e hanno affiancato a ogni frutteto, un orto, che arricchisce le tavole dei “Sciddatari” e di alcuni paesi limitrofi. In un paese di poche anime, la loro attività ha rimesso in circolo dinamismo e speranza.

Area di produzione
Comune di Scillato, provincia di Palermo

Presidio sostenuto da
Sicily by Car
sbc

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...